Normativa Assunzioni

IL RECLUTAMENTO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

L’attività di reclutamento rappresenta per le pubbliche amministrazioni un’attività complessa fortemente caratterizzata dall’aspetto della programmazione, necessaria per assicurare l’efficienza e la continuità dei servizi soprattutto nel contesto attuale in cui  i ripetuti tagli delle dotazioni organiche e le scarse risorse finanziarie incidono pesantemente ed impongono la definizione di priorità assunzionali.

I ripetuti interventi del legislatore diretti a limitare le facoltà assunzionali mediante l’introduzione con la l. n. 449 del 1997 di una disciplina autorizzatoria e il reiterato blocco, più o meno ampio, del turn over, hanno affiancato la disciplina ordinamentale di carattere generale prevista dall’art. 35 del d.lgs. n. 165 del 2001, condizionando fortemente le provvista di personale delle pubbliche amministrazioni. Parallelamente, il ricorso a forme di lavoro flessibile per fronteggiare un fabbisogno di personale di carattere eccezionale, favorendo la proliferazione del precariato, ha reso necessario l’introduzione di nuove misure dirette a favorire il progressivo assorbimento di personale “formato sul campo” che contribuiscono a delineare, fermo restando il principio costituzionale dell’accesso concorsuale ai pubblici impieghi, un quadro composito degli adempimenti delle amministrazioni per la provvista di risorse umane.

Nella presente sezione, oltre alla normativa vigente, sono contenuti i principali indirizzi in materia assunzionale e gli orientamenti della giurisprudenza.

Titolo Data pubblicazione Visite
Reclutamento del personale 18 Dicembre 2013 352